Imparare tutti gli Accordi Maggiori con la Tecnica Dei Conteggi (Lez. 2) – Corso Base di Armonia e Accompagnamento al Pianoforte Gratuito

Imparerai a costruire tutti gli accordi maggiori

Oggi ti presenterò il primo dei tre tipi di accordi che andremo a conoscere in questo corso, ovvero l’accordo maggiore, un accordo formato da 3 note differenti (ovvero è una triade).

In generale, ti insegnerò a costruire gli accordi mediante la tecnica dei conteggi. All’inizio ti servirà per imparare a costruirli. Poi, a forza di suonarli, li imparerai a memoria.

Ora ti spiego come applicare questa regola alla costruzione dell’accordo maggiore.

  • la prima nota è quella che da il nome all’accordo. Quindi se ti dico di suonare l’accordo di Do maggiore, significa che la prima nota sarà il Do.
  • la seconda nota dell’accordo si trova quattro semitoni a salire (quindi si contano 4 note verso destra a partire dalla prima nota, usando tutti i tasti, bianchi e neri).
  • la terza nota dell’accordo si trova tre semitoni sopra la seconda (quindi dalla seconda nota si contano altre 3 note verso destra, sempre usando tutti i tasti bianchi e neri).

La sequenza da memorizzare è quindi: nota, 4, 3.

Esempio: costruiamo l’accordo di Do maggiore.

Le note sono quindi Do, Mi, Sol

Esempio: costruiamo l’accordo di MIb maggiore.

Le note sono quindi Mib, Sol, Sib.

Le note di un accordo (costruito con la tecnica dei conteggi) differiscono tra di loro sempre per un intervallo di terza! Quindi se la prima nota è un Sol, la seconda sarà un Si e la terza un Re, poi con la regola dei conteggi vedremo se queste note sono diesis o bemoli.

Vediamo un’applicazione di questa regola. Costruiamo l’accordo di Si+ (o Si).

Le note sono Si, Re, Fa, ma con la tecnica dei conteggi andremo a scoprire se alcune di queste note sono alterate oppure no.

Le note sono quindi Si, Re# (e non Mib!) e Fa# (e non Solb!).

Anche se Mib corrisponde a Re# e Solb corrisponde a Fa#, le note dell’accordo sono Si, Re# e Fa# perché tra ogni nota ci deve essere sempre un intervallo di terza (quindi Si-Re e Re-Fa).

Da questa regola se ne deriva che dalla prima nota dell’accordo all’ultima c’è sempre un intervallo di quinta (nell’esempio precedente Si-Fa).

L’accordo maggiore si indica con il segno “+” oppure semplicemente senza segni. Se trovi scritto “Do+”, significa che è un accordo di Do Maggiore. Anche se trovi scritto solo “Do” senza il segno + accanto, significa che l’accordo è maggiore.

Come per le singole note, anche gli accordi possono avere diverse altezze, a seconda della prima nota utilizzata per costruirlo. Un Do Maggiore può partire dal Do Centrale, dal Do Alto o da qualsiasi altro Do, il nome dell’accordo resta sempre quello, cambia solo il suono risultante, che sarà più alto o più basso!

Qui trovi la stessa lezione su Youtube! Non dimenticarti di iscriverti al mio canale per rimanere aggiornato su tutti i nuovi contenuti!  🙂

Vai all’indice del corso