Corso Base di Pianoforte Gratuito, Lezione 3: Trucchi per imparare a leggere velocemente le note in chiave di violino

Con questa lezione imparerai a leggere più velocemente le note in chiave di violino.

Il materiale didattico del corso è disponibile qui: clicca per scaricare il PDF degli esercizi

Chi suona musica da parecchi anni riconosce le note sul pentagramma quasi istantaneamente. Vede la nota e tramite la memoria fotografica ti dice immediatamente se è un Do, un Re o un’altra nota, e sa già immediatamente dove si trova sulla tastiera.

Passando molto tempo sugli spartiti, arriverai anche tu a memorizzarle visivamente, ma ora vediamo come accorciare questo percorso.

Come prima cosa, devi trovare un punto di riferimento cioè memorizzare visivamente una sola nota (o al massimo due), e poi le altre note le identificherai contando a partire dalla nota che già conosci, sapendo che le note riempiono, alternativamente, un rigo e uno spazio.

Facciamo tre esercizi progressivi:

Esercizio n° 1. Memorizza visivamente il Do Centrale e il Do Alto.

  • il Do centrale, ovvero la nota con il “cappello”, si trova subito sotto il pentagramma. Questa è facile da memorizzare.
  • il Do Alto si trova sul penultimo spazio (il terzo partendo dal basso). E’ un po’ più difficile da memorizzare non impossibile :-). Memorizza questa nota perché è molto utilizzata!

Ti ho fatto memorizzare il Do Centrale e il Do Alto perché sono le note più comunemente utilizzate nella mia raccolta di esercizi pratici e anche nella letteratura pianistica di base.

Esercizio n° 2. Impara a memoria la successione delle note crescente e decrescente.

In ordine crescente: Do, Re, Mi, Fa, Sol, La, Si, Do, ecc……

In ordine decrescente: Do, Si, La, Sol, Fa, Mi, Re, Do, ecc…

Esercizio n° 3. Impara questa regola: sul pentagramma le note occupano progressivamente il rigo e poi lo spazio. 

Questo significa che una nota sul rigo sarà preceduta o seguita da una nota in uno spazio. Quando abbiamo finito tutti i righi del pentagramma, agli estremi ci sono le note con il “taglio addizionale” alle quali appartiene il Do Centrale (quella più bassa che hai memorizzato).

Quindi memorizza questa regola: le note sono scritte progressivamente riempiendo i righi e gli spazi. Quindi una nota sul rigo sarà seguita (e preceduta) da una nota subito sopra (o sotto) su uno spazio. Quando sono finiti i righi, ci sono le note con il “cappello” o con il taglio addizionale.

Sse hai memorizzato questo schemino e conosci a memoria la posizione del Do Centrale e del Do Alto, sarà facile identificare tutte le altre note sul pentagramma.

La tabella seguente ti mostra alcuni esempi.

Nota da identificareMetodo per identificarlaSoluzione
Si vede subito che è la nota successiva al Do Alto, quindi è un Re Alto.
Si vede subito che la nota è più alta del Do Alto, quindi si conta a salire.Il primo pallino è il Do Alto, il secondo il Re Alto, il terzo il Mi Alto ed infine abbiamo la nostra nota ovvero il Fa Alto.
Si vede subito che la nota è più alta del Do Alto, quindi si conta a salire. Il primo pallino è il Do Alto, il secondo il Re Alto, il terzo il Mi Alto, il quarto il Fa Alto,  quinto il Sol Alto, ed infine arriviamo alla nota con il cappello superiore ovvero il La Alto.
Si vede subito che è la nota subito sotto al Do Alto, quindi è un Si.
1)







2)
Puoi usare due metodi:
1) Si vede subito che è una nota più bassa del Do Alto, quindi si conta a scendere. Il primo pallino è il Do Alto, il secondo il Si, il terzo il La, il quarto il Sol, ed infine arriviamo alla nostra nota ovvero il Fa.
2) Si vede subito che è una nota più alta del Do Centrale, quindi si conta a salire. Il primo pallino è il Do Centrale, il secondo il Re, il terzo il Mi ed infine arriviamo alla nostra nota ovvero il Fa.
Si vede subito che è la nota successiva al Do Centrale, quindi è un Re.

Qui trovi la stessa lezione su Youtube! Non dimenticarti di iscriverti al mio canale per rimanere aggiornato su tutti i nuovi contenuti! 🙂

Vai all’indice del corso